INDIETRO / BACK Home Biblioteca Sussidi

ANALECTA BIBLICA - 156

CAIROLI Marco
La «poca fede» nel vangelo di Matteo. Uno studio esegetico-teologico
2005, pp. 304.
 

Nel vangelo di Matteo, in cinque occorrenze (6,30; 8,26; 14,31; 16,8; 17,20) compare l’espressione «poca o piccola fede». È una particolarità di questo vangelo che si applica, dí fatto, ai discepoli: in una sequenza del discorso della montagna (6,25-34), durante la tempesta (8,23-27), nel cammino di Pietro sulle acque (14,22-23), durante la discussione dei lieviti (16,5-12) e, infine, nel caso della mancata guarigione del ragazzo epilettico (17,14-20).

II presente studio si propone di analizzare i cinque brani appena citati, sia per se stessi che nel loro contesto, prossimo e remoto, con un’attenzione particolare allo sviluppo del tema della «poca fede» nello svolgimento del vangelo; a questi testi, inoltre, sarà accostato anche l’episodio conclusivo dell’opera di Matteo (28,16-20) che ci consegna l’ultima azione dei discepoli (28,17) in bilico tra adorazione dubbio-esperienza, questa, che richiama implicitamente la «poca fede». Una veloce sintesi finale raccoglierà i dati più significati emersi dal commento.

La ricerca si presenta, dunque, come una sorta di «affondo» sia nella più vasta e articolata tematica del discepolato che nella tematica della fede tout-court. I cinque testi sulla «poca fede», come luminosi punti prospettici, uniti all’accenno del finale (28,17), sono in grado di offrirci un suggestivo ritratto – per un verso da completare con altri dati sparsi nel vangelo, e per un altro verso sufficientemente compatto – di colui che liberamente è chiamato ad accogliere il Dio-con-noi nella persona di Gesù (1,23; 28,20).

Marco Cairoli (1966) sacerdote della diocesi dí Como, insegna Introduzione al Nuovo Testamento presso il Seminario di Como e la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale di Milano.