INDIETRO / BACK Home Biblioteca Sussidi

ANALECTA BIBLICA - 163

PALMISANO Maria Carmela
«Salvaci, Dio dell'universo!». Studio dell’eucologia di Sir 36H,1-17
2006, pp. 468.
 

Oggetto del presente studio è l’eucologia di Sir 36H,1-17/33G,1-13a; 36G,16b-22 (14-19) a partire dall’analisi del manoscritto B, unico testimone ebraico del passo.

La ricerca si è avvalsa dell’importante confronto con le versioni antiche (greca, siriaca [Peshitta e Siro-esaplare] e latina) e ha consentito di evidenziare significativi fattori di connessione tra Sir 36H,1-17 e il contesto precedente (Sir 31G,21 – 32G,26) nonché di svelare, all’interno di un’opera poetico-didattica, la presenza di elementi caratterizzanti il procedimento giuridico della querela in vista del ristabilimento di un diritto minacciato o conculcato. Inoltre, l’affiorare dello schema letterario-teologico del “grido-risposta” ha permesso di individuarne la rilevanza e la funzione nel libro, sia nelle istruzioni del sapiente, sia nell’Elogio dei Padri (Sir 44 – 50), sia nella terza sezione eucologica (cf. Sir 51,1-12).

L’analisi delle quattro strofe ha messo in luce i testi e le tradizioni, soprattutto deuteronomistiche e profetiche, cui il sapiente fa riferimento, la teologia riguardante la sua visione della storia e la dinamica dell’invocazione per la salvezza d’Israele nel contesto della Palestina sottomessa al regno dei Selèucidi nel primo quarto del II sec. a.C. Il confronto con alcuni testi qumranici e liturgici (soprattutto con la preghiera della `amîdâh) ha consentito di evidenziare le peculiarità del “grido di aiuto” di Sir 36H,1-17, di leggerlo nel più ampio contesto intertestamentario, ipotizzando alcune possibili linee di sviluppo della sua recezione all’interno delle tradizioni liturgiche ebraiche. Infine, la ricerca di alcuni elementi storico-biblici ha permesso di delineare un più preciso ambiente storico, cui il contesto letterario e l’invocazione sembrano alludere, consentendo di supportare ulteriormente la tesi di fondo sostenuta, ovvero, la significativa coerenza della composi­zione all’interno dell’opera sapienziale.

Maria Carmela Palmisano, nata a Seregno (MI) nel 1962, è una sorella della Comunità Loyola. Nel 1990 ha conseguito la laurea in Psicologia (Università La Sapienza di Roma) e nel 1998 il baccellierato in Teologia (Pontificia Università Gregoriana). In seguito, ha compiuto gli studi di Sacra Scrittura presso il Pontificio Istituto Biblico ottenendo, nel 2001, la licenza e difendendo, nel 2006, la dissertazione dottorale.