INDIETRO / BACK Home Biblioteca Sussidi

ANALECTA BIBLICA [dissertationes] - 201

CARREGA Gian Luca
La Vetus Syra del vangelo di Luca. Trasmissione e ricezione del testo

2013, pp. 544.

L’antica traduzione siriaca dei vangeli detta Vetus Syra riappare dopo secoli di latitanza grazie alla pubblicazione di due mss. superstiti nel XIX sec. Dopo l’iniziale entusiasmo pareva caduta di nuovo nell’oblio, fino a quando il recente interesse della critica testuale per il mondo scribale che produce i testi ha riaperto prospettive interessanti anche per lo studio della Vetus Syra. Come funziona la sintassi di una lingua semitica rispetto al greco? E’ possibile riprodurre le strutture di un’altra lingua in forma non meccanica? E’ lecito espandere il testo evangelico desumendo informazioni dal contesto? In queste pagine vengono affrontati analiticamente 300 passi del vangelo di Luca in cui la versione siriaca presenta letture che si discostano dal greco in modo significativo. Tali devianze sono state classificate secondo i processi che le hanno presumibilmente generate, cercando di stabilire quali fossero i meccanismi in atto al momento di procedere alla traduzione del testo. Alla prova dei fatti, la Vetus Syra si rivela una buona traduzione, più preoccupata di rendere il senso del testo che non la sua letteralità. Isolando i fattori che provocano la maggior parte delle varianti, tra i quali l’assimilazione interna e sinottica, si è in grado di individuare alcuni fattori ermeneutici che sono stati significativi per i traduttori: il confronto con le scuole esegetiche del tempo, l’accentuazione della centralità della figura di Cristo, la ridefinizione di alcuni personaggi minori che assumono valore paradigmatico per i credenti, ecc….

Gian Luca Carrega è nato nel 1972 a Torino, dove è prete diocesano dal 2000. Dopo la maturità classica si è laureato in Lettere all’Università di Torino con la tesi su Filone di Alessandria. Dal 2003 ha frequentato il Pontificio Istituto Biblico di Roma, conseguendo la Licenza nel 2008 e difendendo la tesi di dottorato nel 2010. Al momento è docente di Nuovo Testamento presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale nella sezione di Torino e il locale Istituto Superiore di Scienze Religiose.

[ Top ]